Il naso è la nostra prima protezione dal mondo esterno, svolge infatti l’importante funzione di filtrare, riscaldare e umidificare l’aria che respiriamo prima che questa raggiunga le parti più basse dell’apparato respiratorio (bronchi e polmoni).

Tra il naso e le basse vie aeree esiste una relazione stretta: l’apparato respiratorio è un sistema integrato in cui un disturbo di una parte può condizionare in maniera anche importante l’altra. Per questo, prendersi cura del naso è importante anche per mantenere sani bronchi e polmoni.

Il naso chiuso per noi non è altro che un fastidio. In realtà, si tratta del risultato di un meccanismo difensivo che il nostro organismo mette in atto quando si sente minacciato.

Perché il naso si chiude?

Sono numerosi i fattori che possono scatenare l’infiammazione della mucosa del naso, da cui ha origine la congestione nasale. Quando virus, batteri e sostanze irritanti o allergizzanti attaccano la mucosa nasale, questa inizia a produrre muco in eccesso e altre sostanze (ad esempio la bradichinina, mediatore dell’infiammazione) che creano condizioni sfavorevoli agli aggressori. In queste condizioni la mucosa si gonfia fino a chiudere il naso per evitare ulteriori aggressioni, e di conseguenza aumenta la difficoltà a respirare liberamente. Questo deve farci riflettere. Se contrastiamo questi sistemi di difesa rischiamo di lasciare l’organismo senza armi nei confronti delle aggressioni. Quando interveniamo su questo tipo di problematica è necessaria una risposta che liberi il naso, rispettando la funzione protettiva della mucosa.

Aboca